CORSO DI FORMAZIONE PRIVACY PER GLI INCARICATI AL TRATTAMENTO

omegawork

LA FORMAZIONE PRIVACY DI TUTTI I DIPENDENTI INCARICATI E’ UN OBBLIGO DI LEGGE!

Con la nuova legge sulla privacy, entra in vigore l’obbligo, per tutte le aziende, di formare i propri dipendenti sui temi della privacy. I titolari di aziende hanno l’obbligo di fornire un’appropriata formazione, in materia di protezione dei dati, a tutto il personale che nell’ambito delle proprie mansioni lavorative vengono a conoscenza o possono trattare dati personali di clienti, fornitori e dipendenti.

Le attività che comportano un trattamento di dati personali, possono essere svolte solamente da soggetti designati Incaricato Privacy, che abbiamo ricevuto specifiche istruzioni privacy e adeguata formazione privacy.

Il Corso Privacy per Incaricato Trattamento Dati è un Corso Privacy Certificato e Personalizzato, che può essere svolto direttamente presso la sede della tua azienda o nelle nostre aule formative.

Al termine del Corso per Incaricato Privacy i partecipanti verranno in possesso delle conoscenze legali, organizzative e tecnologiche necessarie per ricoprire il ruolo di Incaricato del Trattamento.

Facendo frequentare ai tuoi dipendenti e collaboratori un corso privacy OMEGA WORK, in caso di controlli da parte della Guardia di Finanza o del Garante Privacy, sarai in grado di dimostrare di aver correttamente adempiuto agli obblighi di formazione privacy imposti dal Codice Privacy.

omegawork

PROGRAMMA DEL CORSO PRIVACY PER INCARICATI TRATTAMENTO DATI (DURATA 4 ORE):

  • Introduzione alla Normativa Privacy
  • Il contesto normativo a livello europeo
  • L’attuale contesto normativo italiano
  • I principi del Regolamento: condizioni di liceità e principi applicabili al trattamento di dati personali
  • I Tipi di Dati e di Trattamenti
  • Le Figure Aziendali Coinvolte nella Gestione Privacy (Organigramma privacy)
  • I Diritti Interessato
  • I Doveri del Titolare, del Responsabile Privacy e degli Incaricati Privacy
  • L’ Informativa e il Consenso
  • Le Nomine e Lettere di Incarico
  • Gli adempimenti richiesti dal Regolamento: quando sono obbligatori e quanto sono opportuni. Descrizione dei singoli adempimenti
  • Focus adempimenti: analisi dei rischi e valutazione di impatto – contenuti e onere documentale.
  • Le Sanzioni Amministrative e Penali

 

Partecipa ai nostri corsi! Per maggiori informazioni: formazione@omegawork.it, tel. 0444 267583 (Elisa)

 

 

Circolare Gabrielli: nuove misure di sicurezza per concerti ed eventi in piazza

omegawork

Con la Circolare Gabrielli del 7 giugno 2017 si è voluto precisare maggiormente i dettagli al riguardo delle manifestazioni pubbliche

A seguito dei fatti di Torino, dove è morta una ragazza e ci sono stati centinaia di feriti per la calca in piazza, il capo della Polizia Franco Gabrielli ha emanato la sopracitata circolare.

La Circolare Gabrielli fornisce quindi nuove regole precise per la gestione degli eventi che prevedono un forte afflusso di pubblico e fa una netta distinzione tra Safety (responsabilità di Comune, Vigili del fuoco, Polizia municipale, Prefettura, organizzatori) e Security (servizi di ordine e sicurezza), fissando e distinguendo di conseguenza i compiti che spettano alle diverse figure citate.

>> Scarica la Circolare

Va innanzitutto ribadito che la circolare è relativa a “pubbliche manifestazioni” quali eventi di carattere sportivo, culturale, musicale, di intrattenimento, ecc. con prevedibile elevato afflusso di persone, e non è pertanto riferita alle attività di spettacolo e di intrattenimento organizzate all’interno dei locali a ciò autorizzati ai sensi degli artt. 68 e 80 del Tulps.

La circolare dispone perentoriamente che senza lo scrupoloso rispetto del modello organizzativo con la stessa indicato, che presuppone il riscontro delle garanzie di Safety e di Security,  le suddette manifestazioni non potranno avere luogo, precisando altresì che “mai ragioni di ordine pubblico potranno consentire lo svolgimento, comunque, di manifestazioni che non garantiscano adeguate misure di Safety“.

Per quanto riguarda le misure di Safety – cioè  i dispositivi e le misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone – la circolare dispone che dovranno essere accertate le seguenti imprescindibili condizioni di sicurezza:

  • Capienza delle aree di svolgimento dell’evento, valutando il massimo affollamento possibile;
  • Percorsi separati di accesso all’area e di deflusso del pubblico, con indicazione dei varchi;
  • Piani di emergenza e di evacuazione, anche con l’approntamento di mezzi antincendio;
  • Suddivisione in settori dell’area di affollamento, in relazione all’estensione della stessa con previsioni di corridoi per gli intergventi di soccorso in emergenza;
  • Piano di impiego, a cura dell’organizzazione, di un adeguato numero di operatori formati con compiti di accoglienza, instradamento, regolamentazione dei flussi anche in caso di evacuazione;
  • Spazi di soccorso, raggiungibili dai mezzi di assistenza, riservati alla loro sosta e manovra;
  • Spazi e servizi di supporto accessori;
  • Previsione, a cura della componente dell’ emergenza ed urgenza sanitaria,  di un’adeguata assistenza sanitaria;
  • Presenza di impianto di diffusione sonora e/o visiva, per gli avvisi al pubblico;
  • Possibile divieto di vendita di alcolici e altre bevande in bottiglie di vetro.

Queste nuove misure di sicurezza rappresenteranno sicuramente maggiori problemi per gli organizzatori, alle prese con costi maggiorati e nuove problematiche, ma nel contempo rappresentano un primo passo verso una più consapevole e sicura gestione delle manifestazioni che con il rischio, sempre presente, di attentati terroristici impone massima attenzione e massima allerta, o quanto meno ci da l’idea che qualcosa si stia muovendo in direzione della tutela e salvaguardia dei cittadini.

omegawork

 

OMEGA WORK SRL offre la sua consulenza per la redazione di PIANI DI SICUREZZA per EVENTI TEMPORANEI, SAGRE, MANIFESTAZIONI SPORTIVE  ecc..

Per Informazioni 0444-267582 – Bonotto William wbonotto@omegawork.it

Nuovo regolamento Privacy, cosa cambia per le imprese?

omegawork
Il GDPR (General Data Protection Regulation ) scatterà il 25 Maggio 2018, termine entro il quale tutte le aziende europee devono adottare le misure adeguate in base al nuovo Regolamento Europeo per la Protezione Dati EU-GDPR 2016/679.

Il Regolamento UE 2016/679 GDPR abroga completamente la vecchia Direttiva 95/46, dalla quale sono nate tutte le Leggi Privacy dei vari Stati Membri, tra cui anche la nostra Dlgs 196/2003. Con il nuovo regolamento, l’Unione Europea ha voluto introdurre nuove regole in materia di protezione delle persone fisiche (e non giuridiche ovvero aziende!) in merito al trattamento dei dati personali e alla libera circolazione degli stessi.

Le novità principali riguardano le regole sul trattamento dei dati personali, che non potrà essere limitato nel tempo ma funzionale al motivo per il quale sono stati raccolti. Il consenso del consumatore\cliente, inoltre, dovrà essere esplicito e le modalità di utilizzo dei dati dovranno essere spiegate in modo chiaro e semplice.

Una delle principali novità riguarda le sanzioni per chi non si adeguerà alle nuove regole sulla privacy: potranno arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo.

 

Come si devono preparare professionisti, imprese e consulenti? 

La necessità di adeguarsi al GDPR ha determinato per molte aziende l’opportunità di avviare un virtuoso processo di analisi, progettazione e sviluppo delle attività.

Dopo un attenta analisi preliminare, si attiva un processo di interventi volti a sanare subito le mancanze più gravi, attraverso, ad esempio, la nomina delle figure chiave, l’introduzione e la modifica di sistemi, modelli, procedure o registri aziendali. Il tutto, tenendo sempre ben presente i rischi e le sanzioni previste, in caso di mancato adeguamento alla normativa.

omegawork

Omega Work Srl offre assistenza ai propri clienti per adeguarsi alla nuova normativa attraverso:

A) check up iniziale presso l’azienda cliente;
B) servizio consulenza per gli adempimenti privacy

Check up iniziale 
Il servizio base di check up è strutturato in un sopralluogo in azienda per la valutazione della situazione esistente ed in un successivo report di individuazione delle criticità e degli eventuali interventi necessari per adeguare l’organizzazione alla normativa privacy.

Servizio per gli adempimenti privacy
Il servizio è diretto a fornire all’azienda l’assistenza e la consulenza (comprensiva della necessaria documentazione e modulistica) per rendere conforme alla normativa privacy l’ organizzazione della impresa.

Per maggiori informazioni: 0444 267582

 

PMI esonerate dall’obbligo di tenuta del registro dei trattamenti

Il nuovo regolamento sulla privacy introduce, a partire dal 25 maggio 2018, l’obbligo di tenuta del registro dei trattamenti. Si tratta di un documento all’interno del quale bisognerà indicare le caratteristiche del titolare del trattamento e del responsabile del trattamento: potrà essere utilizzato a fini di controllo ma serve soprattutto all’impresa come strumento di valutazione delle attività poste in essere.

L’obbligo di tenuta del registro riguarda tutti i titolari e responsabili del trattamento dei dati personali, ad esclusione delle PMI con meno di 250 dipendenti.

L’obbligo, tuttavia, si estende anche alle piccole e medie imprese qualora il trattamento dei dati si configuri come un rischio per i diritti e le libertà dell’interessato, qualora il trattamento non sia occasionale o se riguardi particolari tipologie di dati.

Ad aiutare sia le imprese, che i professionisti e consumatore nell’analisi di cosa cambia con l’entrata in vigore del GDPR dal 25 maggio 2018 è il Garante per la protezione dei dati personali, con una guida ai punti più importanti della riforma UE: GUIDA PRIVACY

SICUREZZA MACCHINE: perché è così importante?

omegawork
La Sicurezza Macchine è probabilmente il principale mezzo in grado di ridurre il numero di morti e infortuni sul posto di lavoro. I dati mostrano che una buona percentuale degli infortuni che avvengono nel mondo del lavoro sono correlati all’utilizzo di utensili e attrezzature di lavoro.
  [trx_br]
Il più importante principio della Direttiva Macchine, nonché concetto di base della noma EN 12100, è il “Principio di integrazione della sicurezza”.
  [trx_br]
1. Per progettazione e costruzione, le macchine devono essere atte a funzionare, ad essere azionate, ad essere regolate e a subire la manutenzione senza che tali operazioni espongano a rischi le persone, se effettuate nelle condizioni previste tenendo anche conto dell’uso scorretto ragionevolmente prevedibile.
  [trx_br]
2.Le misure adottate devono avere lo scopo di eliminare ogni rischio durante l’esistenza prevedibile della macchina, comprese le fasi di trasporto, montaggio, smontaggio, smantellamento (messa fuori servizio) e rottamazione.
  [trx_br]
3. Per la scelta delle soluzioni più opportune il fabbricante o il suo mandatario deve applicare i seguenti principi, nell’ordine indicato:
• eliminare o ridurre i rischi nella misura del possibile (integrazione della sicurezza nella progettazione e nella costruzione della macchina),
• adottare le misure di protezione necessarie nei confronti dei rischi che non possono essere eliminati,
• informare gli utilizzatori dei rischi residui dovuti all’incompleta efficacia delle misure di protezione adottate, indicare se è richiesta una formazione particolare e segnalare se è necessario prevedere un dispositivo di protezione individuale.
 [trx_br]
omegawork

 Omega Work S.r.l. tramite un servizio dedicato, coadiuva le aziende nella valutazione dei rischi e nell’adeguamento del proprio parco macchine attraverso la

  • Valutazione della conformità dei macchinari e stesura di un piano di adeguamento consigliando le priorità e le tempistiche di intervento
  • Progettazione di ripari su misura o standardizzati tramite il coinvolgimento delle principali figure operanti nell’organico aziendale (lavoratori, preposti, RLS ed RSPP)
  • Adeguamento chiavi in mano del macchinario, con installazione di ripari fissi, mobili interbloccati, barriere perimetrali. Adeguamento elettrico ed impiantistico.Le nostre protezioni a bordo macchina permettono di proteggere sia il vostro personale che il vostro materiale

DICHIARAZIONE DENUNCIA FGAS 2018

sicurezza sul lavoro

Dichiarazione F-gas 2018:

Si ricorda che il termine ultimo per la trasmissione è il 31 maggio 2018.

Anche per quest’anno non sono stati modificati struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-Gas. Il valore soglia che permette di stabilire se una apparecchiatura fissa è inclusa nel campo di applicazione della dichiarazione resta quindi fissato a 3 kg di gas fluorurato ad effetto serra, non viene quindi applicata, ai fini della Dichiarazione F-Gas la nuova unità di misura espressa in CO2 equivalenti.

1.Quando e chi deve effettuare la Dichiarazione F-gas?

Entro il 31 maggio di ogni anno tutti gli operatori che svolgono attività o sono interessati a applicazioni (apparecchiature o impianti) contenenti Gas Effetto Serra, hanno l’obbligo, secondo quanto previsto dall’articolo 16 del DPR n. 43/2012, di trasmissione della Dichiarazione F-gas annuale dei dati relativi all’anno precedente.

2.Quali sono le apparecchiature o impianti che rientrano nella dichiarazione?

Tutte le apparecchiature fisse che contengono una carica circolante di 3 kg o più di gas fluorurati ad effetto serra e che appartengono alle seguenti tipologie:

  • Refrigerazione (cioè raffreddamento di spazi di immagazzinamento o prodotti al di sotto della temperatura ambiente; sono inclusi anche gli scambiatori di calore industriali);
  • condizionamento dell’aria(raffreddare e/o controllare la temperatura dell’aria in ambienti confinati mantenendola ad un determinato livello);
  • pompe di calore (dispositivo che estrae calore a basse temperature da aria, acqua o terra e fornisce a sua volta calore);
  • sistemi di protezione antincendio (installati in risposta ad un rischio di incendio specifico in uno spazio definito).

3.Sono escluse dal campo di applicazione della dichiarazione:

  • le applicazioni di condizionamento dell’aria montati sugli autoveicoli o, più in generale, su tutte le tipologie di mezzi di trasporto;
  • i sistemi di refrigerazione montati su tutte le tipologie di mezzi di trasporto;
  • le attrezzature utilizzate per la ricarica degli impianti di condizionamento dell’aria montati sugli autoveicoli;
  • gli estintori portatili (perché tipicamente durante il loro funzionamento sono in movimento);
  • tutte le apparecchiature che utilizzano esclusivamente sostanze refrigeranti o estinguenti diverse dai gas fluorurati ad effetto serra previsti dalla dichiarazione (es. CFC,  HCFC, R-22, HALON, CO2, sabbia, ammoniaca, etc.);
  • tutte le apparecchiature contenenti refrigeranti o estinguenti a base di gas fluorurati ad effetto serra che prese individualmente hanno carica complessiva minore di 3 kg.

4.Come effettuare la Dichiarazione F-gas?

La Dichiarazione F-gas deve essere presentata ad ISPRA tramite il formato elettronico, accessibile al seguente link: http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/fgas. La presentazione della dichiarazione potrà essere presentata direttamente da Omega Work S.r.l., contattando l’indirizzo e-mail: info@omegawork.it

5.Cosa succede a chi non effettua le Dichiarazioni F-gas

Le sanzioni amministrative pecuniarie relative alla mancata, incompleta o inesatta trasmissione delle informazioni previste dalla Dichiarazione F-gas ammontano, a carico dell’operatore, ad un importo compreso tra 1.000,00 e 10.000,00 euro.

 

Per maggiori informazioni contattare l’indirizzo e-mail: info@omegawork.it

 

BANDO INAIL 2018

omegawork

SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: 31 MAGGIO 2018

 

Bando Inail 2018: come ogni anno vengono destinati finanziamenti a fondo perduto per chi investe sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori, la compilazione della domanda sarà aperta dal 19 aprile 2018 e scadrà alle ore 18.00 del 31 maggio 2018.

Destinatari:
Imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura, nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposte al alcuna procedura concorsuale, ed in regola con gli obblighi contributivi di cui al Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).
Al momento della domanda, l’impresa richiedente deve soddisfare, a pena di esclusione, tra gli altri requisiti, quello di non aver ottenuto contributo per uno degli Avvisi pubblici INAIL 2014, 2015, 2016 per gli incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Inoltre, di non aver ottenuto provvedimento di ammissione al finanziamento per il Bando FIPIT 2014.

Cinque gli assi di finanziamento: 

progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;

riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC);

bonifica da materiali contenenti amianto;

micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività;

micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Le fasi:

1-Inserimento online della domanda
Dal 19 aprile 2018 e fino alle ore 18:00 del 31 maggio 2018, nella sezione “Accedi ai servizi online” del sito Inail le imprese registrate avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda.

2-Invio del codice identificativo – Click Day
Alla data stabilita, le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al finanziamento, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda e ottenuto mediante la procedura di download.

3-Assegnazione delle risorse
I contributi sono a fondo perduto fino a un massimo di 130.000 euro e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

4-Invio della documentazione finale
Le imprese collocate in graduatoria fra le ammissibili al contributo, dovranno far pervenire all’Inail, entro 30 giorni, la copia della domanda telematica generata dal sistema e tutti gli altri documenti, indicati nell’Avviso pubblico, per la specifica tipologia di progetto.

Il bando Inail 2018 è consultabile dal sito www.inail.it si possono evincere al dettaglio quali sono i soggetti ammissibili al bando Inail 2018, i requisiti richiesti per ottenere il finanziamenti a fondo perduto e le procedure da seguire.

Per Informazioni: frossi@omegawork.it oppure tel. 0444-267585

FORMAZIONE GRATUITA CON FONDIMPRESA

omegawork

PER LA TUA AZIENDA NON RINUNCIARE ALLA FORMAZIONE GRATUITA

 SCEGLI FONDIMPRESA E IL CONTRIBUTO AGGIUNTIVO PER LE PICCOLE MEDIE IMPRESE

10 Milioni di euro per realizzare i tuoi Piani Formativi Aziendali e Interaziendali

A partire dal 8 giugno 2017 fino al 20 ottobre 2017

 

OMEGA WORK SRL

si occuperà di supportarti nelle seguenti fasi:

  • Analisi delle esigenze formative;
  • Elaborazione di un Piano Formativo su misura per la tua azienda;
  • Presentazione del progetto a FONDIMPRESA;
  • Docenza, gestione e tutoraggio dei corsi;
  • Gestione amministrativa e rendicontazione conclusiva.

 

Per Informazioni: email frossi@omegawork.it – Tel. 0444.267585

 

BANDO FONDIMPRESA 2017

sicurezza sul lavoro

AVVISO 2/2017 FONDIMPRESA

10 milioni di Euro a favore delle PMI

 

Con l’Avviso 2/2017 Fondimpresa ha stanziato 10 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI di minori dimensioni.

Il contributo aggiuntivo è concesso ai piani presentati sul “Conto Formazione” per un importo compreso tra € 1.500,00 e € 10.000,00 per azienda.

Possono beneficiare di tale contributo aggiuntivo solo le PMI in possesso dei seguenti requisiti:

  • Avere un saldo attivo al conto formazione
  • Non avere presentato dopo il 31 dicembre 2015 alcun Piano che preveda la concessione di un contributo aggiuntivo al Conto Formazione, fatto salvo il caso in cui il Piano sia stato annullato o respinto.
  • Partecipazione al Piano di almeno 5 lavoratori per un minimo di 12 oredi formazione procapite.

 

E’ possibile presentare piani formativi a partire dal

GIORNO 8 GIUGNO 2017 FINO AL 20 OTTOBRE 2017

(o comunque fino ad esaurimento delle risorse).

 

OMEGA WORK SRL è a disposizione, fin da subito, delle aziende per la progettazione, presentazione e realizzazione dei piani.

 

Per tutti i dettagli dell’Avviso, si consiglia di contattarci al numero 0444 267582 o

tramite e-mail: frossi@omegawork.it – info@omegawork.it

Decreto Milleproroghe 2017

sicurezza sul lavoro

AMBIENTE – SISTRI

Il sistema di obblighi e di adempimenti antecedente l’entrata in vigore del Sistri è prorogato fino al 31 dicembre 2017, insieme al subentro del nuovo concessionario.Fino al subentro di quest’ultimo, si rinnova anche la riduzione del 50% della sanzione per omessa iscrizione al Sistri e del pagamento del contributo d’iscrizione.

 

PIANO PER L’ADEGUAMENTO DELLE SCUOLE ALLE NORME DI PREVENZIONE E PROTEZIONE INCENDI

Art. 4: «Il termine di adeguamento alla normativa antincendio per gli edifici scolastici (…) per i quali (…) non si sia ancora provveduto è stabilito al 31 dicembre 2017». Tutto rinviato di un anno, sia per completare i lavori sia per presentare le relative certificazioni. Altrimenti alcune classi avrebbero dovuto sospendere le lezioni, con il rischio di prolungare a oltranza le vacanze di Natale. Il piano varato a maggio prevede due tipi di intervento, con regole più stringenti per gli edifici costruiti dopo il 1975 e meno severe per quelli più vecchi. In attesa che tutte le scuole vengano messe in sicurezza anche contro il rischio sismico, la speranza è che almeno contro gli incendi tutti gli edifici diventino a norma entro la fine del prossimo anno. Evitando un’altra «soluzione» sotto forma di proroga.

Bando per l’erogazione di contributi alle imprese del settore manifatturiero e dell’artigianato di servizio

sicurezza sul lavoro

Contributo del 45% a fondo perduto con un investimento minimo di 15.000,00€


INTERVENTI FINANZIABILI:
Nuovi macchinari ed attrezzature.

  • Opere edili, murarie e impiantistiche per l’installazione dei macchinari
  • Spese di progettazione
  • Programmi informatici connessi ai processi
  • Brevetti e know-how aziendale
  • Consulenza gestionale
  • Consulenza in eco-innovazione ed eco-design

L’accreditamento deve avvenire entro il 05 Ottobre 2016.
Le domande dovranno essere presentate entro il 18 Ottobre 2016.